Fattorie Faggioli

Trekking

“Trekking” di origine anglosassone che a partire dagli anni ’60 si affianca a quello di escursionismo. Deriva dal verbo della lingua afrikaans “to trek”, che significa “viaggio su carri trainati da buoi”.

Trekking diventa sinonimo di viaggio lungo e avventuroso, effettuato a piedi o con l’ausilio di mezzi non meccanici (cavalli, buoi, carri…).

Andando oltre la semplice definizione etimologica, Trekking significa esplorare situazioni lontane dalla quotidianità, significa abbandonare i ritmi della fretta che caratterizza la nostra vita, significa diventare ospiti di una natura maestosa, con le sue ampie e mutevoli valli, i suoi lunghi e tortuosi sentieri, le sue gole profonde e le alte cime (www.appenninoeverde.it).

L’Antica Via del Sale

Antico antenato della moneta, necessario all’uomo per vivere, il SALE da sempre è stato mezzo di scambio fra i popoli. Necessario per la vita, da gusto a quello che mangiamo. Simbolo di saggezza, nel Battesimo, fino a qualche anno fa se ne poneva un pizzico sulle labbra del bimbo. Nei secoli il Sale ha assunto caratteri sacri: a testimonianza di concordia ed amicizia, un’intesa perpetua veniva chiamata ”alleanza del Sale “, inoltre anticamente gli ospiti graditi e di riguardo erano accolti in casa con offerte di Pane e Sale. Nell’Antichità molte le “Vie del Sale” che percorrevano il mondo conosciuto e come accadde a tutte le merci preziose, soggette ad abusi e speculazioni d’ogni genere, anche attorno al sale si sviluppò un florido contrabbando che trovò nei percorsi di crinale una valida e trafficata via di transito.

Dai Magazzini del Sale, dalle Saline di Cervia, sull’Antica Via del Sale questo bene prezioso chiuso e soffocato in sacchi sdruciti affrontò i primi contrafforti della Vallata del Bidente nel tentativo di raggiungere un territorio nel quale sarebbe stato scambiato con un’altrettanta necessaria merce: il TABACCO.

Sale e Tabacco, dunque, ma soprattutto Sale, pre segnare nelle tracce della memoria un antico percorso che hanno visto uniti Saline, Crinali e Vallate.

Un percorso all’interno dell’Appennino Tosco – Romagnolo che, un tempo battuto da contrabbandieri e da mercanti del Sale, oggi è riesplorato a piedi, a cavallo ed in mountain bike in affascinanti escursioni, attraverso boschi e appartati sentieri. Un’avventura fatta di profumi e rumori di una natura generosa e segreta, dove è possibile trovare sincronia con un ritmo inedito, scandito da emergenze naturalistiche e da piacevoli incontri, perché il Sale è anche una sostanza magica, che nella notte mette in fuga spiriti malvagi e diavoli (www.salinadicervia.it).

E in una notte suggestiva illuminata dalla luna piena favoriti da qualche stella cadente, potrebbe capitare di vedere un fantasma di vecchi contrabbandieri di sale scambiare la preziosa merce con l’altrettanto ricercato tabacco dei mercanti toscani, il tutto cercando di eludere la sorveglianza delle guardie dello Stato Pontificio o quelle del Gran Ducato di Toscana.

Questa l’impressione che forse qualche visitatore ha avuto percorrendo dopo secoli, “l’Antica Via del Sale”, che da Cervia porta a Firenze arrampicandosi per contrafforti e crinali boscosi dove non mancano le soste per trovare riposo e ristoro. Recuperata grazie al Gruppo Alpini di Forlì, il sentiero attraversa le bellezze del Parco Nazionale Foreste Casentinesi, Monte Falterona e Campigna ed è interamente tabellato, ideale per le escursioni a piedi, a cavallo ed in moutain bike.

Cartine topografiche e tabelle segnaletiche guideranno il percorso e il susseguirsi di suggestive emozioni: dissetarsi nei tanti rivoli d’acqua ancora pulita, incontrare chi, in questa terra lavora, convinto di avere una ragione per non lasciarla.

Il sentiero notevolmente apprezzato dai turisti europei, costituisce un entusiasmante percorso a metà strada tra l’escursionismo e il tuffo nella storia, incontrando vecchi castelli o torri munite che servivano a difesa degli accesi alle valli del Bidente e del Rabbiwww.valbidentevaldirabbitrek.it.

In questo modo sentieri e mulattiere che per centinaia d’anni hanno reso possibile il collegamento di case o piccole frazioni e che erano scomparse perché non più frequentati, riprendono a vivere nell’eco il suono delle voci e l’atmosfera gioiosa di una comitiva.

Piste ghiaiate ed inerbite, sempre aperte ed agevolmente transitabili dagli escursionisti attraversano territori particolarmente interessanti sotto il profilo paesaggistico, storico – ambientale e portano a confortevoli luoghi di sosta come le Aziende Agrituristiche che diventano così punti tappa e ristoro per chi è in viaggio da uno a più giorni (sentieriweb.regione.emilia-romagna.it).

trek




×

ideazione e realizzazione web site di:

e-xtrategy - internet way

via sant'Ubaldo, 36 - 60030 monsano (an) Italy
tel. +39.0731.60225

www.e-xtrategy.net
info@e-xtrategy.net