Fattorie Faggioli

Autunno

Settembre

icona_settembre

D’SETEMBAR L’E’ LONGH E’ DE’ DA QUANT DLA NOTT

In settembre è lungo il giorno quanto la notte

A LA LUNA SETTEMBRENA ST LON AGL’ I S’INCHENA

Alla luna settembrina sette lune si inchinano

Settembre, come dice il nome, era anticamente il settimo mese dell’anno e le lunazioni che sottostanno al responso sono sette

IN SETEMBAR I FIGH I CMENZA A PENDAR

In settembre i fichi cominciano a pendere

PAER SAN MICHEL LA MELA L’E’ INT E’ PANIR

per S.Michele la mela è nel paniere

E’ il momento in cui si raccolgono giuggiole, fichi e noci

SE SA’ MICHIL U S’ BAGNA ALJ EL, E’ PIOV SENA A NADEL

Se S.Michele si bagna le ali piove a Natale

L’arcangelo Michele è rappresentato con le ali, e se queste si bagnano, farà brutto tempo fino a Natale o per tutto l’inverno

Ottobre

icona_ottobre

QUAND E’ VEN UTOBAR BEL CHEVA E’ VEN D’INT E’ MASTEL

Quando viene ottobre bello leva il vino dal mastello

Periodo di vendemmio, di mosto, di vinazione. Si cercava di non vendemmiare quando soffiava il libeccio, quando l’uva era bagnata e nel momento in cui cadeva quella delle Quattro Tempora che contraddistingueva l’autunno

SAN FRANZESCH D’AZISA U S’MITEVA E’ GRAN INT LA CAMISA

San Francesco d’Assisi si metteva il grano nella camicia

In questi giorni ci si prepara alla semina del grano

PER SAN PATRONI E SAN FRANZESCH CHI N A’ PANIRA ADROVA E’ ZEST

Per San Petronio e San Francesco chi non ha paniera adopera il cesto

Dopo la vendemmia, si raccolgono le nespole

SAN GODENZ, CIAPA I BU E METTIE INENZ; PAR SAN SIMON STACA I BU MA DAL TIMON

San Gaudenzio, prendi i buoi e mettili davanti; per San Simone stacca i buoi dal timone

Il periodo in cui si deve arare e seminare, dunque, è indicato nei giorni che vanno da San Gaudenzio (14 ottobre) a San Simone (28 ottobre)

Novembre

icona_novembre

NUVEMBER PIUVOS CAMP FRUTUOS

Novembre piovoso campo fruttuoso

La pioggia in novembre, dopo la semina, è preziosa per il campo e consentirà di avere buoni raccolti

SE E’ DE’ DI SENT E’ SOL U I STA’, UN BON INVERAN E’ VA

Se il giorno dei Santi il sole ci sta, un buon inverno va

A sottolineare l’antico ruolo di capodanno svolto da questa data sta anche il fatto che anticamente, in alcune zone della Romagna, dopo di essa si traevano pronostici osservando (come in gennaio) i presagi delle calende, cioè dei primi dodici giorni del mese

PAR SAN MARTEN TOTT I BECCH I CORR BEN

Per San Marino tutti i becchi corrono bene

Quella di San Martino era la notte di chiusura del periodo dell’antico capodanno celtico a quaranta giorni dal solstizio invernale, periodo cosiddetto “Quaresima minore”. In queste notti i “becchi” venivano chiamati a correre nel buio verso la “fiera” (luogo di ritrovo dei becchi), impigliando le corna ai rami




×

ideazione e realizzazione web site di:

e-xtrategy - internet way

via sant'Ubaldo, 36 - 60030 monsano (an) Italy
tel. +39.0731.60225

www.e-xtrategy.net
info@e-xtrategy.net